In Europa a testa alta: le differenze fra Conte e Salvini

Fin dal primo giorno del suo insediamento, tanto si è detto e commentato a riguardo del nuovo Governo a trazione M5S e Lega. Si è riflettuto, anzitutto, sulla sua evidente eterogeneità. Se ciò può essere un bene, poiché esprime l’intenzione di voto degli italiani, al contempo potrebbe rivelarsi fallace in…

continua a leggere

Toscana, da “rossa” a “verde”: le ceneri di Renzi

Difficilmente, per Matteo Renzi, avverrà quel che accade per la mitologica araba fenice. Non risorgerà dalle proprie ceneri. I risultati dei ballottaggi toscani sono nefasti: gli storici quartier generali (Siena, Pisa, Massa) della sinistra sono passati in mano al nemico. Il peggiore, tra l’altro: l’estrema destra di Matteo Salvini. Non…

continua a leggere

Nasce il governo Conte: chi ha vinto e chi ha perso

governo conte, sergio mattarella, luigi di maio, matteo salvini, paolo savona, impeachment, lega, m5s

Il dado è tratto. Dopo più di ben ottanta giorni dal giorno delle fatidiche elezioni dello scorso 4 marzo, è stata finalmente trovata la formazione di un governo politico alla guida del paese. Fra consultazioni chiacchierate, movimenti politici forsennati, scomparsa di vecchi leader e nascita di nuovi, pare che la…

continua a leggere

Governo: perché tornare alle urne è l’unica via possibile

Speculazioni, strumentazioni, dietrologie. Gli elettori è probabile che ne abbiano sentite, lette, fin troppe. Fin dall’inizio della campagna elettorale, metà gennaio 2018, sapevamo con quale legge elettorale saremmo tornati alle urne: il Rosatellum. Dopo tanta astinenza, fra passaggi di testimone fra un #enricostaisereno ed un Gentiloni ombra, gli italiani hanno…

continua a leggere

Campagna elettorale: errori ed orrori da non dimenticare

campagna elettorale, elezioni 2018, partito democratico, matteo renzi, liberi e uguali, pietro grasso, centro destra, silvio berlusconi, matteo salvini, giorgia meloni, movimento 5 stelle, luigi di maio, m5s

Siamo chiari: questa campagna elettorale è probabilmente una delle peggiori degli ultimi anni. Partita con eccessivo ritardo, reduce da Gentiloni (ombra del Governo Renzi), ad oggi siamo ancora alle prese con le lacerazioni divisive delle nomine partitiche del Partito Democratico. Se è vero che la Storia è maestra, è altrettanto…

continua a leggere