PD, Calenda: indovina chi viene a cena?

Nessuno. Questo l’epilogo nonché l’elenco degli invitati alla cena che avrebbe dovuto rilanciare il Partito Democratico. L’iniziativa di Carlo Calenda proposta il 17 settembre è terminata con un nulla di fatto. La proverbiale tavola avrebbe dovuto porre le basi per il riavvio del PD, dopo anche e sopratutto le dichiarazioni…

continua a leggere

In Europa a testa alta: le differenze fra Conte e Salvini

Fin dal primo giorno del suo insediamento, tanto si è detto e commentato a riguardo del nuovo Governo a trazione M5S e Lega. Si è riflettuto, anzitutto, sulla sua evidente eterogeneità. Se ciò può essere un bene, poiché esprime l’intenzione di voto degli italiani, al contempo potrebbe rivelarsi fallace in…

continua a leggere

Toscana, da “rossa” a “verde”: le ceneri di Renzi

Difficilmente, per Matteo Renzi, avverrà quel che accade per la mitologica araba fenice. Non risorgerà dalle proprie ceneri. I risultati dei ballottaggi toscani sono nefasti: gli storici quartier generali (Siena, Pisa, Massa) della sinistra sono passati in mano al nemico. Il peggiore, tra l’altro: l’estrema destra di Matteo Salvini. Non…

continua a leggere

Amministrative 2018: la vittoria di Pirro

san pietro vernotico, amministrative 2018, pasquale rizzo, movimento 5 stelle, meetup, partito democratico

Quanto costa una vittoria? Dopo la sbornia elettorale, magari con una bella bottiglia di spumante speciale tenuta al fresco per l’occasione, è giusto fare i conti con l’oggettività. Se i giornali “partigiani” gridano ad una vittoria plebiscitaria è bene mettere a lucido la materia grigia e contestualizzare l’esito del 10…

continua a leggere

San Pietro Vernotico: non ci resta che cambiare

Meglio cambiare, che piangere. È inutile negarlo, né far finta di nulla: se il Paese versa in questo stato è colpa sia della mala politica, che di una buona parte della cittadinanza che ha consentito tutto ciò. Magari ignorando, magari con furba complicità. Pertanto, quando vi chiedete “come risollevare San…

continua a leggere

Nasce il governo Conte: chi ha vinto e chi ha perso

governo conte, sergio mattarella, luigi di maio, matteo salvini, paolo savona, impeachment, lega, m5s

Il dado è tratto. Dopo più di ben ottanta giorni dal giorno delle fatidiche elezioni dello scorso 4 marzo, è stata finalmente trovata la formazione di un governo politico alla guida del paese. Fra consultazioni chiacchierate, movimenti politici forsennati, scomparsa di vecchi leader e nascita di nuovi, pare che la…

continua a leggere

San Pietro Vernotico dice “stop al bullismo con un ciak!”

san pietro vernotico, de simone, bullismo, cyber bullismo, Family in Progress Onlus

SAN PIETRO VERNOTICO – “Stop al bullismo con un ciak“. Questo il nome del progetto chiusosi lo scorso 26 maggio presso l’Istituto comprensivo “De Simone” di San Pietro Vernotico. Perché stop al bullismo con un ciak? Il progetto ha mirato a prevenire e quindi anche contrastare i fenomeni sia di…

continua a leggere

Sentenza trattativa Stato – mafia: il silenzio uccide di più

processo-palermo-trattativa-stato-mafia-510

Non più dubbi, né supposizioni, né teorie di complotto: la trattativa Stato – Mafia c’è stata. La sentenza di primo del 20 aprile, non solo afferma che i mandanti delle stragi di Capaci e via D’Amelio appartenevano ad entrambi i fronti, ma ci mostra inevitabilmente una nuova chiave di lettura…

continua a leggere

Roger Waters, Siria: “attacco chimico a Douma è una fake news”

roger waters, siria, attacco, fake news, armi chimiche, spagna, us and them

“Se noi credessimo alla propagando dei caschi bianchi e di altri, saremmo spinti a incoraggiare i nostri governi ad andare e a buttare bombe sulla gente in Siria“. Con questa breve ma incisiva affermazione Roger Waters (che nella giornata di ieri 17 aprile ha inaugurato le date italiane del suo…

continua a leggere

Governo: perché tornare alle urne è l’unica via possibile

Speculazioni, strumentazioni, dietrologie. Gli elettori è probabile che ne abbiano sentite, lette, fin troppe. Fin dall’inizio della campagna elettorale, metà gennaio 2018, sapevamo con quale legge elettorale saremmo tornati alle urne: il Rosatellum. Dopo tanta astinenza, fra passaggi di testimone fra un #enricostaisereno ed un Gentiloni ombra, gli italiani hanno…

continua a leggere