Amministrative 2018: la vittoria di Pirro

san pietro vernotico, amministrative 2018, pasquale rizzo, movimento 5 stelle, meetup, partito democratico

Quanto costa una vittoria? Dopo la sbornia elettorale, magari con una bella bottiglia di spumante speciale tenuta al fresco per l’occasione, è giusto fare i conti con l’oggettività. Se i giornali “partigiani” gridano ad una vittoria plebiscitaria è bene mettere a lucido la materia grigia e contestualizzare l’esito del 10…

continua a leggere

San Pietro Vernotico: non ci resta che cambiare

Meglio cambiare, che piangere. È inutile negarlo, né far finta di nulla: se il Paese versa in questo stato è colpa sia della mala politica, che di una buona parte della cittadinanza che ha consentito tutto ciò. Magari ignorando, magari con furba complicità. Pertanto, quando vi chiedete “come risollevare San…

continua a leggere

Nasce il governo Conte: chi ha vinto e chi ha perso

governo conte, sergio mattarella, luigi di maio, matteo salvini, paolo savona, impeachment, lega, m5s

Il dado è tratto. Dopo più di ben ottanta giorni dal giorno delle fatidiche elezioni dello scorso 4 marzo, è stata finalmente trovata la formazione di un governo politico alla guida del paese. Fra consultazioni chiacchierate, movimenti politici forsennati, scomparsa di vecchi leader e nascita di nuovi, pare che la…

continua a leggere

San Pietro Vernotico dice “stop al bullismo con un ciak!”

san pietro vernotico, de simone, bullismo, cyber bullismo, Family in Progress Onlus

SAN PIETRO VERNOTICO – “Stop al bullismo con un ciak“. Questo il nome del progetto chiusosi lo scorso 26 maggio presso l’Istituto comprensivo “De Simone” di San Pietro Vernotico. Perché stop al bullismo con un ciak? Il progetto ha mirato a prevenire e quindi anche contrastare i fenomeni sia di…

continua a leggere

Sentenza trattativa Stato – mafia: il silenzio uccide di più

processo-palermo-trattativa-stato-mafia-510

Non più dubbi, né supposizioni, né teorie di complotto: la trattativa Stato – Mafia c’è stata. La sentenza di primo del 20 aprile, non solo afferma che i mandanti delle stragi di Capaci e via D’Amelio appartenevano ad entrambi i fronti, ma ci mostra inevitabilmente una nuova chiave di lettura…

continua a leggere

Roger Waters, Siria: “attacco chimico a Douma è una fake news”

roger waters, siria, attacco, fake news, armi chimiche, spagna, us and them

“Se noi credessimo alla propagando dei caschi bianchi e di altri, saremmo spinti a incoraggiare i nostri governi ad andare e a buttare bombe sulla gente in Siria“. Con questa breve ma incisiva affermazione Roger Waters (che nella giornata di ieri 17 aprile ha inaugurato le date italiane del suo…

continua a leggere

Governo: perché tornare alle urne è l’unica via possibile

Speculazioni, strumentazioni, dietrologie. Gli elettori è probabile che ne abbiano sentite, lette, fin troppe. Fin dall’inizio della campagna elettorale, metà gennaio 2018, sapevamo con quale legge elettorale saremmo tornati alle urne: il Rosatellum. Dopo tanta astinenza, fra passaggi di testimone fra un #enricostaisereno ed un Gentiloni ombra, gli italiani hanno…

continua a leggere

Cittadini in MoVimento, appello ai sanpietrani: “attivatevi!”

san pietro vernotico, movimento 5 stelle, elezioni, pino romano, forza italia, attivisti

Il risultato elettorale a San Pietro Vernotico assume una doppia rilevanza per il contesto in cui è maturato. Da un lato le candidature locali degli avversari: una deputata uscente renziana, ed una candidata facente riferimento al consigliere regionale Pino Romano. Inutile dire quanto tutto ciò abbia sempre dimostrato che sul…

continua a leggere

Elezioni, 2013 – 2018: cosa è cambiato?

Quanto tempo è passato? Poco dal mero punto di vista cronologico, tanto invece per quello politico. Basti pensare che alle elezioni del 24-25 febbraio 2013, Berlusconi perde 6 milioni e mezzo di voti con l’allora PDL. Il Partito Democratico, svilito dalle politiche «lacrime e sangue» di Mario Monti, abbandona per…

continua a leggere

Matteo Renzi: “mi dimetto da segretario”. Ma prende tempo.

matteo renzi, dimissioni, segretario, partito democratico, elezioni, referendum costituzionale, primarie, marco travaglio, otto e mezzo

Matteo Renzi non ce la fa. Non ce l’ha fatta la mattina del 5 dicembre 2016 e fallisce nuovamente il 5 marzo 2018. Fallisce su due punti: il primo è quello più evidente, ovvero la disfatta elettorale/referendaria; il secondo è l’attaccamento alla poltrona. Quando poco più di un anno fa…

continua a leggere