“Divisa et impera”: tutte le divise dei presidenti

E’ inutile. Il fascino della divisa ha da sempre ammaliato i politici che non hanno mai evitato di esporla nelle più disparate occasioni ufficiali. Occasioni dove l’attenzione dei media era abbastanza alta. L’ultimo caso ha riguardato i ministri Salvini e Bonafede, che hanno indossato le uniformi: il leader del Carroccio…

continua a leggere

Renzi e Berlusconi: “scusa ma ti voglio votare”

Renzi dimentica le “leggi vergogna”   Infine, l’ha detto: “scusaci, Silvio!” È inutile. Matteo Renzi è così: quando pensi d’averle viste, lette, sentite tutte, è sempre pronto ad alzare il tiro. Dopo l’outing dell’altro giorno, il giovane boyscout ha apertamente dichiarato il proprio amore verso nonno Silvio. Dapprima amanti (quasi)…

continua a leggere

Primarie PD: l’eterno rimandato Boccia ci riprova

Boccia, l’eterno sconfitto dalle primarie, si candida. Per cosa? Per la segreteria del PD, ovvio. Tale Boccia è noto ai più per essere stato, in più di una occasione, l’avversario interno di Nichi Vendola. – 2005: si candida alle primarie del centro sinistra per la candidatura alla corsa regionale della…

continua a leggere

PD, Calenda: indovina chi viene a cena?

Nessuno. Questo l’epilogo nonché l’elenco degli invitati alla cena che avrebbe dovuto rilanciare il Partito Democratico. L’iniziativa di Carlo Calenda proposta il 17 settembre è terminata con un nulla di fatto. La proverbiale tavola avrebbe dovuto porre le basi per il riavvio del PD, dopo anche e sopratutto le dichiarazioni…

continua a leggere

Toscana, da “rossa” a “verde”: le ceneri di Renzi

Difficilmente, per Matteo Renzi, avverrà quel che accade per la mitologica araba fenice. Non risorgerà dalle proprie ceneri. I risultati dei ballottaggi toscani sono nefasti: gli storici quartier generali (Siena, Pisa, Massa) della sinistra sono passati in mano al nemico. Il peggiore, tra l’altro: l’estrema destra di Matteo Salvini. Non…

continua a leggere

Elezioni, 2013 – 2018: cosa è cambiato?

Quanto tempo è passato? Poco dal mero punto di vista cronologico, tanto invece per quello politico. Basti pensare che alle elezioni del 24-25 febbraio 2013, Berlusconi perde 6 milioni e mezzo di voti con l’allora PDL. Il Partito Democratico, svilito dalle politiche «lacrime e sangue» di Mario Monti, abbandona per…

continua a leggere

Matteo Renzi: “mi dimetto da segretario”. Ma prende tempo.

matteo renzi, dimissioni, segretario, partito democratico, elezioni, referendum costituzionale, primarie, marco travaglio, otto e mezzo

Matteo Renzi non ce la fa. Non ce l’ha fatta la mattina del 5 dicembre 2016 e fallisce nuovamente il 5 marzo 2018. Fallisce su due punti: il primo è quello più evidente, ovvero la disfatta elettorale/referendaria; il secondo è l’attaccamento alla poltrona. Quando poco più di un anno fa…

continua a leggere

Elezioni, Renzi si dimette: “tornerò a fare il senatore”

matteo renzi, dimissioni, elezioni 4 marzo, partito democratico

Dopo diverse ore di attesa, Matteo Renzi (ormai segretario pro tempore del Partito Democratico) ha dichiarato la volontà di dimettersi dalla direzione del partito. Ha affermato che tornerà a fare il senatore, nonostante volesse abolire il senato attraverso la riforma Costituzionale. Si è così espresso: “Come sapete e com’è doveroso…

continua a leggere

Elezioni 2018, San Pietro Vernotico: M5S supera il 40 percento

elezioni 2018, exit poll, san pietro vernotico, movimento 5 stelle, partito democratico, forza italia, liberi e uguali, elisa mariano, valentina carella

Avanti Movimento 5 Stelle, dietro tutti gli altro. Anche nel paese di San Pietro Vernotico vengono confermati i dati applicati sul territorio nazionali. Partiamo dai votanti che alle ore 23:00, ora di chiusura dei seggi, hanno raggiunto il 68.11%. I dati della Camera parlano chiaro: M5S raggiunge il 45.76% ed…

continua a leggere

Elezioni 4 marzo: perché votare è essenziale

elezioni 2018, 4 marzo, campagna elettorale, rosatellum, silvio berlusconi, matteo renzi, renzusconi, nanni moretti, astensione

Siamo sinceri: se l’Italia fosse un Paese un normale saremmo andati alle urne poco dopo la debacle referendaria sulla Costituzione. Eppure avremmo dovuto già apprenderlo da un bel pezzo: l’Italia non è un Paese normale. o meglio, non ancora. C’è qualche speranza affinché lo diventi? Probabilmente recandosi alle urne la…

continua a leggere